Il Podologo si occupa quotidianamente di tutti quei disturbi che colpiscono cute, ossa, muscoli, articolazioni e nervi del piede, dalle più comuni ipercheratosi (callosità) alla riabilitazione del piede e del passo tramite tecniche riabilitative attive e passive e con l’utilizzo di presidi ortesici plantari.

Valuta l'anatomia del piede e la sua funzionalità (in statica e dinamica) con tecniche diagnostiche quali ad esempio la podoscopia e la baropodometria e utilizza metodiche incruente di tipo ortesico digitale (ad esempio nel caso di deformazioni delle dita), plantare (nel caso di dismorfismi del piede come il piede piatto e/o alterazioni nello svolgimento del passo) o anche massoterapico.

Il Podologo collabora con i colleghi degli altri ordini medico-sanitari (Fisioterapisti, Ortopedici, Diabetologi…) per quanto riguarda la gestione delle persone affette da patologie che richiedono un approccio multi-disciplinare come il diabete, assistendo ed educando il paziente.